Domenica 21 10 2018 - Aggiornato alle 16:29

Lamenti critici Lamenti critici di Dario Orphée

panchine Arrubbateri!
11/11/2015

San Leone. Una desolata serata autunnale. Due panchine, prive di qualsiasi etica, discutono illuminate debolmente da un lampione in tinta azzurrognola.

 

Panchina a sinistra: Compà, sintisti?

Panchina a destra: A ccu?

Panchina a sinistra: Quella cosa sul vaso...

Panchina a destra: Quale vaso?

Panchina a sinistra: Gnà quella del vaso in ceramica!

Panchina a destra: Ah, sì. Quelli del viale, che hanno spiccicato cu tuttu 'u cactus?

Panchina a sinistra: Iddi.

Panchina a destra: Sintivu.

Panchina a sinistra: Ma ci nni voli!

Panchina a destra: Il tema del mese. Ogni mese deve essercene qualcuno. Altrimenti ci si annoia.

Panchina a sinistra: Comunque, se mi posso permettere, quei vasi fanno veramente schifo.

Panchina a destra: E sarai bella tu, fredda e in cemento.

Panchina a sinistra: Ma che attinenza hanno con la città? Io, almeno... E poi, servo a qualcosa.

Panchina a destra: Il bello non deve servire a niente. Il bello è come la fame.

Panchina a sinistra: Questo dimostra che, ad Agrigento, sono tutti sazi.

Panchina a destra: Ma chi dici?

Panchina a sinistra: Se non sono sazi, sono furbi. Anche se, da come si stanno aggrampando per una minchiata, non lo penserebbe nessuno.

Panchina a destra: Esageri sempre. Ha ragione il cestino della munnizza: quello sgabello abbandonato tra i cespugli dal venditore ambulante ti ha fatto impazzire.

Panchina a sinistra: Tempo fa, a due che si sono seduti da me, ho sentito dire che avevano parenti al cantiere del viadotto Akragas...

Panchina a destra: E chi veni a diri?

Panchina a sinistra: Che di vasi, ritrovati nelle tombe di contrada Pezzino, se ne sono fottuti a tinchitè.

Panchina a destra: Mi... allura viziu è.

Panchina a sinistra: Ti pari ca cuntu farfanteria.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione