Domenica 21 10 2018 - Aggiornato alle 16:31

Per quel che Vale Per quel che Vale di Valentina Oliveri

foto di Giuseppe Greco
Lo sfogo / Perchè Agrigento non si salverà (e comunque non adesso)
16/08/2015

Il mio obiettivo - condiviso con molti altri - è quello di rendere migliore il posto in cui vivo. Però sono amareggiata. Perchè? Perchè vivo qui e non voglio andar via ma state facendo l'impossibile per farmi cambiare idea. L'altra sera ero a cena con un cugino che vive a Milano e la sua fidanzata di Monza. S'è mangiato buon pesce, bevuto ottimo vino e parlato di arancine, mignolate, cassata, iris e brioche col gelato e lei mi chiedeva come facciamo a non strafogarci tutti i giorni di queste bontà, che lei ne è proprio innamorata e quando tornerà a Milano le sognerà la notte. Dopo cena, abbiamo fatto una passeggiata nel centro di Porto Empedocle - con annesso selfie col Montalbano di Camilleri - ed entrambi si sono commossi leggendo un'insegna di un panificio: panini imbottiti 1 euro. Al punto che l'hanno fotografata, per mostrarla agli amici del nord. "Cosa ci facciamo a Milano con un euro?".

 

A dirla tutta, neppure qui ci si fa moltissimo, ma quando si fa un giro fra supermercati e ristoranti e attività varie, il dato che emerge è che in Sicilia il costo della vita è accessibile a tutti, in linea di massima, e questo non è da sottovalutare, perchè certo fa figo parlare del mare, del sole e del vento ma c'è anche la vivibilità economica da tirare in ballo, e quando vai al nord e al bar ti chiedono 50 centesimi per il bicchiere d'acqua che segue il caffè, se sei siciliano, il naso lo storci. Eccome. Ma passiamo alle tematiche di ordine puramente organizzativo che differenziano questo posto meraviglioso che risponde al nome di Agrigento, dal resto del mondo.

 

Oggi è Ferragosto, e ieri alla spiaggia di San Leone è stato applicato il divieto di campeggio, il divieto di accendere fuochi e il divieto di abbandonare rifiuti. Allora a uno, lì per lì, gli viene da dire: grande! Finalmente!, se non fosse che la misura in questione non ha risolto il problema dei campeggiatori incivili che ogni anno affollano le spiagge, l'ha solo spostato qualche chilometro più in là. Stop. Generando, fra l'altro, la perdita totale dell'entusiasmo generale fra gli abitanti della zona.

 

Ora tu, Sindaco o chi per te, potrai dirmi: ma sono questioni di sicurezza! Dobbiamo fermare l'orda! Evitare quello che accade ogni anno a causa degli incivili! Eccetera eccetera, argomentazioni sulle quali potrei darti ragione, se non avessi viaggiato e non avessi preso parte a convention musicali e culturali con numeri ampiamente più alti di un Ferragosto in spiaggia a San Leone.

 

Basta poco per evitare i divieti e concedere alla gente, educandola, di mantenere la tradizione, ovvero: scelta di alcune aree in cui il campeggio è consentito, pagamento di un ticket per poter piazzare la tenda, servizio navetta che conduce la gente su e giù dalle Dune un tot di volte al giorno nel periodo di maggiore affluenza e traffico, controlli della zona costanti durante il pomeriggio e la notte da parte delle forze dell'ordine, bagni chimici e aree di raccolta rifiuti per tenere la spiaggia pulita. Sono le prime cose che mi vengono in mente, così, mentre ti scrivo. Pensa se ci avessimo ragionato su un intero mese... Non è complicato, non ti costa niente perchè le persone col pagamento del ticket acquistano il servizio, tieni la situazione sotto controllo e siamo tutti felici.

 

Eppure no, non è possibile, perchè è nostra l'arte del nascondere la cosiddetta munnizza sotto il tappeto, distraendo e spostando l'attenzione su misure temporanee considerate manna dal cielo, e facendo i cittadini contenti e garbati per qualche ora. Propaganda. Stando così le cose, le più grandi capitali d'Europa, super pulite e civilizzate, dovrebbero rinunciare agli eventi importanti della loro cultura solo per un branco di animali - che sono ovunque, non solo ad Agrigento - e chiudere baracca, non fare nulla per il pressappochismo che non permette di far bene.

 

Ma riguardo alla parola pressappochismo apro un altro capitolo. Si è concluso da qualche giorno il Festival delle Scienze alla Valle dei Templi di Agrigento. Chi l'ha organizzato? Dei folli che pensano che questo posto effettivamente non sia irredimibile e abbia ancora un margine di miglioramento sul quale focalizzare la nostra attenzione. Dei folli che hanno lavorato per mesi, in maniera disinteressata (come fanno sempre quelli che ci credono) e hanno portato ad Agrigento le personalità più importanti del panorama scientifico, tecnologico e - udite, udite - spaziale, al momento in Italia.

 

Saltando le prime giornate, sulle quali anche avrei molto da dire sugli imprevisti perfettamente evitabili, mi fionderei alla serata dell'8 agosto, quarta del Festival. Adesso voi immaginate - chi c'era non ne ha bisogno - l'astrofisico Paolo De Bernardis e la fisica teorica Francesca Vidotto, astri del panorama mondiale ed eccellenti divulgatori costretti a fare dei discorsi bellissimi e appassionanti su spazio e tempo, col sottofondo musicale di Felicità, gloriosa hit degli anni Ottanta. Ora, io capisco che un bicchiere di vino con un panino non è assolutamente comparabile alla formazione dell'Universo in termini di brivido e passione, e che avendo assodato che quando il sole tornerà e nel sole io verrò da te, dovrei anche capire come arrivarci, da te, dato che la strada è completamente transennata da punta a punta per garantire la sicurezza del signore Al Bano, che Tyron Power ce l'abbia in gloria.

 

La situazione è la seguente: un gruppo di persone facente parte di un’associazione non-profit lavora gratis tutto l’anno e decide di portare il meglio dei cervelli Italiani ad Agrigento, cotanti cervelli si accollano di venire gratuitamente solo per il piacere della divulgazione scientifica. A causa del concerto in concessione pubblica nel luogo più bello d’Italia, si decide di chiudere la strada di accesso al Parco. Quindi penalizzando in una Valle di patrimonio pubblico, un evento pubblico (il Festival) di carattere culturale e non-profit per un evento privato (cioè dove si fanno soldi). Non trovate che questa sia una bizzarria?

 

Non si poteva chiudere la strada in un solo senso di marcia per dare pari diritto a tutti e due gli eventi? E invece si decide di chiudere totalmente una strada pubblica e addirittura anche l’ingresso del Parco presso il Tempio di Giunone (Patrimonio Unesco) per Al Bano (che intendiamoci, in questa storia non c’entra nulla). Nessuno si indigna! Un danno monetario per il Festival (non-profit) ma anche d’immagine per la Valle. Vai a spiegarlo al turista, se ci riesci, che abbiamo Al Bano che canta nel Parco e la strada è interrotta e devono prendere (e pagare) la navetta.

 

Fosse stato John Lennon, magari avrebbero capito. Alcuni riescono a passare grazie alla bontà di qualche ispettore, altri rinunciano, altri ancora con decine di proteste telefoniche se la prendono con gli organizzatori del Festival impotenti e incapaci di poter far cambiare questa decisione irrazionale. Sapeva il Parco di questa decisione? Ha comunicato il Parco al tavolo operativo della Questura che era in programma un Festival di cui era organizzatrice anche lei? Cosa non ha funzionato? Perché il comitato organizzativo del Festival non è stato avvisato in tempo e formalmente? Ci possiamo permettere ancora che queste cose accadano in futuro?

 

Ripetiamo: chiusura di una strada pubblica strategica all’interno del Parco per un evento privato! Una bizzarria indicibile! Ciò nonostante, tantissimi, pur di non perdersi l’evento del Festival, si sono fatti qualche chilometro a piedi, altri hanno addirittura pagato il biglietto per la navetta. Ma chi gestisce questa navetta? A chi sono andati i soldi del biglietto navetta? Qualcuno dice a chi ha organizzato il concerto, ma sarebbe troppo paradossale e non vogliamo crederci. Sarebbero bastate misure elementari, più intelligenza, più rispetto per tutti per far fruttare al massimo le opportunità ma soprattutto rispetto per i visitatori del Festival e per il turista che quel giorno volevano vedere e sentire altro che Al Bano.

 

Che Google venga al Parco è certamente importante (anche se la pensiamo diversamente) ed è certamente una grande promozione per il Parco (anche se pensiamo che non ne abbia bisogno) ma poi non possiamo trattare i turisti come dei pacchi postali in nome di un cantante che si chiama Al Bano o chicchessia in un luogo che è patrimonio dell’Unesco!

 

Sono molto stanca ed ha ragione Giulia, la cugina di Monza, a dire che abbiamo tutto e meritiamo niente. Il buon cibo, il vino, la vocazione turistica, la costa, il talento, le idee brillanti e l'ottimismo, altrove sono un mix che genera ricchezza diffusa, mentre dalle nostre parti la ricchezza è reclusa nel perimetro della vostra villa al mare, e il rispetto per chi vuole migliorare questa condizione di coma culturale ed economico, lascia il posto all'assonante rigetto per ogni iniziativa importante, impedendone la continuità e affogando l'interesse in una piscina da venti metri. Gentilmente offerta dai folli come me. Che si sono rotti i coglioni.

 

Valentina Oliveri

 

La foto in alto è di Giuseppe Greco

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione