Mercoledi 15 08 2018 - Aggiornato alle 16:30

6aa8a96ff4a34f08-1422802903
Su Facebook La rabbia di Settembrino - 03/02/2015

Non era nemmeno iniziata la manifestazione di protesta promossa dal comitato spontaneo sorto su Facebook, quando proprio sul social network è apparso un post del presidente del Consiglio Carmelo Settembrino, presidente di quel Consiglio comunale che con il caso dei gettoni di presenza e delle 1.113 riunioni in nove mesi ha scatenato la reazione soprattutto dei giovani agrigentini. 

"Conosco tante persone, oggi indignate - ha scritto Settembrino - che hanno frequentato la segreteria dei Sindaci per chiedere incarichi o per organizzare "EVENTI " (per le loro tasche).

Sullo stesso post ha fatto capolino per un commento al post di Settembrino anche Giuseppe Di Rosa, vice presidente del Consiglio municipale di Agrigento: "E i loro figli s'indignano", ha scritto il consigliere protagonista dell'ultima trasmissione di Giletti, "L'Arena", e candidato a sindaco alle amministrative del maggio prossimo.

Che i consiglieri comunali in gran parte non l'avessero presa bene la storia dello scandalo dei gettoni di presenza lo aveva dimostrato nei giorni scorsi più di qualche membro dell'assemblea cittadina proprio su Facebook. Invece di dimettersi dalla carica più d'uno ha preferito rimuovere il proprio profilo personale.

 

Sullo stesso argomento:

► Di Rosa e la Scala ospiti di Giletti a "L'Arena" su Rai Uno - VIDEO

► Di Rosa da Giletti: "Coi gettoni qualcuno ha esagerato ma il Consiglio ha scoperchiato il malaffare", di Debora Randisi

► Giletti vs Di Rosa, quando politica e informazione tremano, di Livio Cavaleri

► Consiglio comunale, in meno di sei anni è costato 2 milioni di euro

► Satira: Un consiglio da amico ai consigliera municipala montelusani, di Filippo Genuardi

► Gettonopoli, lo sdegno in piazza e in tv, ma il cambiamento..., di Livio Cavaleri

 Indignazione sui social network: martedì un sit-in di protesta, di Dario La Mendola 

► I gettoni (del loro e nostro) disonore, di Gaetano Gucciardo

► Commissioni consiliari, lo scandalo finisce su Ballarò - Video

► Consiglieri alla gogna: "Ma non siamo compagni di merende", di Dario Piparo

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

ARTICOLI CORRELATI

Agrigento Pride
Mille in piazza per arginare il disastro

di Dario PiparoIl racconto di un episodio, del tutto epocale per Agrigento, che genera consapevolezza: forse quella che da oggi niente potrebbe più essere come prima, ma certamente quella di poter fare qualcosa in più rispetto all'indignazione

scrivi alla redazione