Sabato 16 12 2017 - Aggiornato alle 23:33

210 a. C., la conquista di Akragas - foto di Sandro Parisi
Rievocazione storica 210 a. C., la conquista di Akragas - 09/05/2017

Affluenza record per "210 a. C. la conquista di Akragas", uno degli eventi più attesi degli ultimi mesi alla Valle dei templi, che nella bella galleria fotografica di Sandro Parisi potete rivivere. Quasi diecimila, tra agrigentini e turisti, si sono riversati nella via Sacra soprattutto nella giornata di domenica 7 maggio per partecipare all'evento che ha promesso di essere la più grande rievocazione storica mai vista prima d'ora in Sicilia. A colpire, passeggiando tra la folla nel Parco Archeologico, è l'atmosfera: nei sorrisi e negli sguardi della gente si coglie l'entusiasmo e un certo orgoglio degli agrigentini per il proprio patrimonio culturale. 

Colto in pieno l’obiettivo dell’associazione culturale PastActvity, guidata dalla direzione artistica di Andrea Moretti con la partecipazione delle migliori associazioni italiane di Livinig history (Mos Maiorum, S.P.Q.R., Simmachia Elleon, Evropa Anqiqva), che hanno lavoro per mesi all'evento di rievocazione storica dell’anno 210 a.C. al tempo dello scontro tra Roma e Cartagine. 

Qualche problema di comunicazione non ha permesso a tutti i visitatori di assistere allo spettacolo che si è svolto al tempio di Giunone, anzichè al tempio di Giove, così come invece era indicato sul programma ufficiale. Nell'area del tempio di Zeus e del tempio di Dioscuri sono stati invece allestiti sia una ricostruzione degli accampamenti dei due schieramenti, sia gli stand in cui venivano riprodotte le tecniche di costruzione di oggetti e armamenti, gioielli, le ricette della cucina di entrambe le due culture. 

 

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

ARTICOLI CORRELATI


Teatro antico e tempio romano, si ridisegna l'area archeologica di Agrigento

di Debora Randisi - La seconda campagna di scavi durerà dagli 8 ai 12 mesi. Entro un anno sia il teatro che il tempio entreranno nel percorso di fruizione della Valle dei templi. Ecco tutte le novità

scrivi alla redazione