Mercoledi 18 10 2017 - Aggiornato alle 00:22

Amazon per Pirandello, alla Valle l'attrice Isabella Ferrari
28 giugno Amazon per Pirandello con Isabella Ferrari

Il colosso americano, in collaborazione con il Comune di Agrigento, darà vita ad una singolare lettura pubblica dell’opera pirandelliana attraverso con l’utilizzo dei kindle e della voce di una nota attrice italiana

- 19/06/2017

Amazon, il gigante economico di Seattle specializzato soprattutto nell’e-commerce di libri, partecipa alle celebrazioni in occasione del 150esimo anniversario della nascita di Luigi Pirandello con un evento tutto puntato su Agrigento e volto ad incentivare la lettura dei libri digitali. Il 28 giugno al tramonto, nella Valle dei templi, il colosso americano, in collaborazione con il Comune di Agrigento, ha deciso di dare vita ad una singolare lettura pubblica dell’opera pirandelliana. A dare voce a Pirandello, intorno alle 20, sarà la notissima attrice Isabella Ferrari che interagirà con il pubblico dei lettori. E o farà con l’utilizzo dei kindle, lo strumento prodotto da Amazon per la lettura dei libri elettronici (e-book reader).

Dispositivi che verranno messi a disposizione gratuitamente dalla stessa casa per i giovani e gli studenti che prenderanno parte all’evento. Questi ultimi potranno così seguire i testi e le letture pirandelliane della Ferrari attraverso i kindle. L’iniziativa, che rientra nel nutrito programma degli eventi promossi dal Comune per le celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello verrà realizzato in collaborazione con il CUA il Consorzio Universitario di Agrigento.

Il sindaco Lillo Firetto sottolinea l’estrema importanza culturale di questa operazione e la risonanza a livello internazionale dell’evento. “Amazon viene ad Agrigento ad incontrare Pirandello nel 150° della nascita del nostro Nobel. Un riconoscimento della straordinarietà dell’opera pirandelliana – conclude Firetto – ma anche un incontro con l’innovazione che potrà far conoscere ancor di più il nostro autore”.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione